Lavoro come performer di circo-teatro e creo pupazzi, scenografie e sculture.
La mia ricerca mira a risvegliare la vita che si cela nella materia, a dare corpo allo spirito delle cose, a fornire dinamica e movimento al materiale inanimato del quale mi metto al servizio come creatrice e attrice.
Ho studiato teatro con diversi maestri tra cui Tapa Sudana, Cesar Brie, Roger Assaf, Emanuel Lavalleè, Giuliana Musso e teatro di figura presso la Curious School of Puppetry di Sarah Wright.
Mi sono formata nella scultura del legno seguendo il maestro Mario Iral, nella realizzazione di marionette con Stephen Mottram (Inghilterra), Jordi Bertran (Spagna) e Teodor Borisov (Bulgaria), nella creazione di burattini in legno con Giulia Rossi e Jimmy Devies.
Sperimento quotidianamente con diversi materiali ed ho studiato scultura  legno con Rossana Filippi, scultura del marmo con Federico Soffiato e Monica Boscolo, la scultura della gommapiuma con Natale Panaro, modellazione del cartone per la costruzione di pupazzi giganti con Damiano Giambelli, la creazione e lavorazione della carta a partire dalla polpa con Riccardo Aiossa (Masterclass presso la Biennale di Venezia), la costruzione di scenografie giganti con il Team russo di Cardboardia, la realizzazione di matrici in legno con Perocco per poi creare maschere in cuoio con Andrea Cavarra e con Vittorio Riondato o in cartapesta con Sartori.

Sto sviluppando una mia direzione di lavoro indagando il tema della maternità come creazione ancestrale e il rapporto della donna con la natura.
Sono nate così una serie di sculture che parlano di donne in trasformazione, metamorfosi, evoluzione in una dinamica di cambiamento che mi è propria.
Mi piace che un’opera racconti una storia, possa comunicare al di là del bello, in maniera diretta e possa risuonare nell’osservatore, come risuona in me mentre la realizzo.

I work as a nouveau cirque performer and I create puppets, sets and sculptures.
My research aims to awaken the life that is hidden in the material, to give body to the spirit of things, to provide dynamics and movement to the inanimate material of which I put myself at the service as a creator and actress.
I studied theater with several masters including Tapa Sudana, Cesar Brie, Roger Assaf, Emanuel Lavalleè, Giuliana Musso and puppetry at the Curious School of Puppetry by Sarah Wright.
I trained in wood carving following the master Mario Iral, in the production of marionettes with Stephen Mottram (England), Jordi Bertran (Spain) and Teodor Borisov (Bulgaria), in the creation of wooden puppets with Giulia Rossi and Jimmy Devies.
I experiment daily with different materials and I studied wood sculpture with Rossana Filippi, marble sculpture with Federico Soffiato and Manuela Boscolo, the sculpture of foam rubber with Natale Panaro, modeling of cardboard for the construction of giant puppets with Damiano Giambelli, the creation and processing of paper starting from the pulp with Riccardo Aiossa (Masterclass at the Venice Biennale), the construction of giant sets with the Russian Team of Cardboardia, the construction of wooden matrices with Perocco and then create leather masks with Andrea Cavarra and Vittorio Riondato or papier-mâché with Sartori.

I am developing my research investigating the theme of motherhood as ancestral creation and the relationship of women with nature.
In this way a series of sculptures were born that talk about women in transformation, metamorphosis, evolution in a dynamic of change that belongs even to me.
I like a art piece that tells a story, that can communicate beyond the beauty in a direct way and to resonate in the observer, as it resounds in me while I realize it.